Raccolta

… Era appena un bambino (Max) e già era innata in lui la passione del “cassonetto”.

Gli oggetti di cui la gente si sbarazzava, erano per lui oggetto di curiosità e di sperimentazione.

Non sempre ne riconosceva un riutilizzo immediato, ma sempre ne percepiva l’odore il tatto e attraverso questi le vicissitudini e la storia. Erano questi elementi ad attrarlo irresistibilmente.

Ne apprezzava le forme gentili, il tatto vissuto, l’odore di altri tempi. E sin da allora vi si riconosceva. Tra quelle cose, si sentiva a casa. Ed il bambino divenne ragazzo e poi adulto e fece tesoro di questa sua innata passione.

IN FABRICA, oggi, si occupa personalmente della ricerca e della selezione di materiale antico: oggetti e materiali amati e curati abbastanza da aver superato dignitosamente la prova del tempo.

E la favola continua …